Come usare il palato nel canto

Capire come muovere il palato molle nel canto e come gestire quel movimento con la lingua è fondamentale per migliorare la qualità della voce.

Il palato molle è situato nella parte posteriore del palato. Si trova dietro il palato duro, che è la parte ossea del palato. Svolge un ruolo cruciale non solo nel canto, ma anche nelle azioni più semplici come mangiare, bere e respirare. Infatti, il palato impedisce al cibo e altre sostanze di entrare nelle vie nasali durante la deglutizione oltre ad essere fondamentale per produrre determinati suoni.

Vediamo come usare il palato nel canto e come allenarlo.

L’importanza del palato molle nel canto

Il palato molle nel canto è importante per rendere la voce chiara. Infatti, sollevare il palato mentre si canta rende il suono meno nasale.

Il palato basso, infatti, può essere un ostacolo nel canto perché la risonanza della voce, invece di andare direttamente nella cavità orale va a finire anche nella cavità nasale. A certi livelli, anche un palato piccolo, facilmente risolvibile con un espansore palatale, può rappresentare un ostacolo.

Un palato sollevato nel canto consente alla voce di risuonare correttamente attraverso la cavità orale, ottenendo proiezione e potenza dall’acustica. La nasalità si verifica più facilmente quando si canta una vocale, semplicemente pizzicando delicatamente le narici per chiuderle.

Un buon allenamento del palato migliora anche le armoniche e la qualità del suono.

Per sapere come sollevare il palato molle per fare la differenza nel tono della tua voce, devi capire il ruolo del palato molle nelle rappresentazioni canore.

Quando il palato non si solleva, la sensazione che si prova è quella di avere il suono che “rimane dentro” e ha difficoltà ad uscire.

Questo è dovuto al fatto che con la nasalizzazione aggiunge al suono frequenze di antirisonanza. La principale conseguenza è la riduzione dell’intensità delle armoniche del suono emesso.

Al contrario, un palato ben sollevato permette al suono di risuonare nella cavità orale, senza difettare in proiezione e potenza,

Come allenare il palato molle

Il palato molle si solleva con lo sbadiglio o con un’inspirazione profonda a bocca aperta. I cantanti impiegano molto tempo ad allenarlo. Infatti, il suo controllo diventa una delle abilità di base dei cantanti.

Uno degli esercizi più semplici per allenare il palato molle non richiede una particolare esperienza. Prima di tutto bisogna piazzarsi di fronte ad uno specchio per fare attenzione a tutti i movimenti eseguiti. Con una torcia, poi, si può fare maggiore attenzione ai movimenti individuando il palato molle.

L’esercizio consiste in piccoli movimenti con la lingua e il movimento del palato verso l’alto per rilasciarlo poco dopo.

Questo semplice esercizio di sollevare il palato molle e rilasciarlo si può ripetere per quattro conteggi, quindi mantieni alto il palato muovendo la lingua su e giù.

Vi sono poi altri metodi per allenare il palato come, ad esempio, l’annusare una rosa e inspirare con sorpresa. In questi casi si tratta di un riflesso automatico del corpo, ma non è uno sforzo consapevole.

Altri esercizi utili per allenare il palato molle è il cosiddetto “esercizio della rana”. Infatti emettendo il suono della rana (gra con r emessa alla francese) si solleverà il palato, emettendo una vibrazione del palato molle.

Si tratta di un esercizio che dona una sensazione di rilassatezza ai muscoli, ma è importante assicurarsi che non sia la lingua a vibrare ma il palato. Per questo esercizio si può emettere questo suono per circa 2 o 3 minuti, finché il suono non avrà assunto una certa “aggressività” e chiarezza.

Un altro esercizio molto utile è quello di emettere il suono della A da emettere con il muscolo che utilizziamo durante il pianto, fino a raggiungere note più alte.

SHARE